Che differenza c’è tra online e offline?

Che differenza c'è tra online e offline Hai sentito parlare di online e/o di offline ma non hai idea di cosa vogliano dire questi termini? Eccoti allora spiegato che differenza c’è tra online e offline.

Che differenza c’è tra online e offline?

In informatica e in telecomunicazioni, online (si pronuncia onlàin), scritto anche on-line oppure on line, è un termine inglese che, nella lingua italiana, viene principalmente usato come sinonimo della locuzione in linea; il termine offline (si pronuncia offlàin), scritto anche off-line oppure off line, viene invece comunemente tradotto in italiano con l’espressione non in linea, fuori linea, o a volte anche come disconnesso.

Esempi

I termini online e offline rappresentano quindi, rispettivamente, uno stato di connettività e uno stato di disconnessione. In particolare, il termine online viene usato con due diversi significati:

  • se riferito a un dispositivo, significa che questo è connesso o a una rete informatica, o a una rete telefonica. Ad esempio quando si parla di modem online o circuito online;
  • se riferito a un insieme di contenuti, significa che questi sono disponibili o fruibili attraverso Internet. Ad esempio, nei contesti di shopping online, gaming online, banking online o diretta online.

Dunque, il primo aspetto riguarda la fisicità di un collegamento dove avviene un trasferimento di dati, mentre, nel secondo caso, ci si riferisce piuttosto alla disponibilità di determinati contenuti che si trovano su Internet. Il termine offline, invece, viene utilizzato principalmente nel contesto delle reti informatiche, soprattutto quando ci si trova nelle seguenti circostanze:

  • email offline, riferito ai client di posta elettronica, significa che il programma in questione non controlla la disponibilità di nuove email;
  • media offline, significa che un determinato contenuto, precedentemente scaricato sul dispositivo in uso, può essere riprodotto senza la necessità di essere collegati ad Internet;
  • navigazione offline, ad indicare cioè che si naviga su determinati contenuti presenti su Internet, tipo Wikipedia, senza però essere veramente connessi in quel preciso momento;
  • archiviazione offline, mediante la quale i dati vengono memorizzati su un supporto o su un altro dispositivo che viene poi disconnesso o fisicamente rimosso dal PC;
  • messaggi offline, riferito ai programmi di messaggistica istantanea, significa che il messaggio viene lasciato in sospensione fino a quando il destinatario non è in grado di leggerlo. Rimanendo sempre nello stesso contesto, la disponibilità a messaggiare di una certa persona viene definita come online mentre la sua non disponibilità viene definita invece come offline.

Arrivati dunque a questo punto dovresti aver finalmente capito che differenza c’è tra online e offline.