Calibrare la batteria di uno smartphone

Calibrare la batteria di uno smartphone Se hai notato che la carica della batteria del tuo smartphone scende improvvisamente in pochi minuti, molto probabilmente significa che bisogna fare una calibrazione della batteria. Eccoti allora spiegato come calibrare la batteria di uno smartphone.

Perché la percentuale della batteria diventa imprecisa?

Questo è un problema che capita con la maggior parte dei dispositivi elettronici moderni alimentati da una batteria ricaricabile agli ioni di litio, quindi iPhone, Android, ma anche tablet e computer portatili. In realtà questo comportamento non è un problema grave, ma vedere che la carica indica, ad esempio, 30% e dopo pochi minuti indica 15% o anche meno, non è una bella cosa, soprattutto quando ci si trova fuori casa.
La ragione di questo inconveniente è piuttosto semplice. Le batterie si degradano col passare del tempo e la loro capacità diminuisce lentamente. Tuttavia, il telefono non è sempre capace di misurare questa differenza: se la capacità della batteria si è ridotta al 90% della sua capacità originale, il telefono potrebbe comunque dire che la carica è al 90%, anziché al 100%. In altre parole, “il nuovo 100%” coincide con il 90% della capacità della batteria ma il telefono non è in grado di “capirlo”. Calibrare la batteria può quindi risolvere questo problema.

Come calibrare la batteria di uno smartphone?

Per fortuna, calibrare la batteria di uno smartphone è un procedimento abbastanza semplice che richiede solo un po’ di tempo e pazienza. Ecco quindi qual è la procedura da seguire:

  1. per prima cosa lascia scaricare lo smartphone fino a quando non si accende più. Per confermare che la batteria sia completamente scarica puoi provare a riaccenderlo. Se il telefono si riapre significa allora che c’è un po’ di carica residua e che quindi necessita di scaricarsi ancora;
  2. dopo aver scaricato completamente la batteria, tieni lo smartphone spento, collegalo ad una presa di corrente utilizzando il caricabatterie originale, e lascialo caricare fino a quando lo schermo o un LED non indica che sia carico al 100%. Alcune persone a questo punto consigliano di lasciare lo smartphone a caricare per un’altra ora o anche più, solo per assicurarsi che la batteria sia del tutto carica, ma questo dipende da te e non è necessario farlo per forza;
  3. accendi adesso il telefono ed attendi che si sia avviato completamente. Una volta visualizzata la schermata iniziale, verifica che la percentuale della batteria mostri il 100% della carica, dopodiché scollegalo dal caricabatterie. Una volta scollegato, la batteria è ora calibrata e puoi quindi ricominciare a utilizzare il telefono normalmente.

Quanto spesso dovrei calibrare la batteria?

Non c’è alcuna regola ufficiale su quanto spesso si dovrebbe calibrare una batteria. In teoria, se non ti interessa sapere quanto sia accurata la percentuale di carica, non hai bisogno di farlo affatto, soprattutto se in ogni caso cerchi di mantenere la batteria sempre carica.
Se però ti interessa avere delle statistiche sulla batteria più accurate, probabilmente dovrai calibrare la batteria ogni due o tre mesi. Volendo, potresti anche farlo a intervalli ancora più lunghi (ad esempio solo una volta ogni sei mesi), tanto per ricordarti che la percentuale della batteria potrebbe essere un po’ inaccurata.

La calibrazione della batteria ne prolunga la durata?

Su Internet potresti vedere altri articoli che parlano di come calibrare la batteria può prolungarne o migliorarne la durata. Purtroppo non è così. In effetti, il modo migliore per mantenere una batteria in buone condizioni, oltre ad effettuarne correttamente la prima carica, consiste nell’eseguire delle scariche poco profonde, senza portarle sempre a zero, motivo per cui dovresti probabilmente calibrare la batteria solo una volta ogni qualche mese. Tuttavia, secondo Battery University, non vi è alcun danno apparente nel calibrare la batteria del telefono, perciò, di tanto in tanto, potresti anche provare a farlo.