Come scegliere una microSD

Vorresti aumentare lo spazio a disposizione del tuo smartphone e/o del tuo tablet ma non sai però come scegliere una microSD? Nessun problema perché tramite questo semplice articolo andrò a spiegarti quali sono i fattori da considerare per sapere quale microSD ti conviene acquistare.

Indice

Perché scegliere una microSD?

Oltre ad avere¬†dei costi pi√Ļ contenuti¬†rispetto al sovrapprezzo da pagare per comprare uno smartphone o un tablet dotato di una memoria integrata di maggior capacit√†, le microSD, tramite degli appositi adattatori, hanno anche l’indubbio vantaggio di poter essere facilmente trasformate in delle normali schede SD, consentendo cos√¨ di poter essere utilizzate anche su altri dispositivi compatibili con tale standard. Tuttavia, le microSD presenti in commercio non sono proprio tutte uguali.

Infatti, oltre alla capacit√†, quello che contraddistingue una microSD dall’altra √® soprattutto la velocit√† in lettura e in scrittura delle stesse che, in poche parole, non solo permette di caricare pi√Ļ velocemente foto, video e le varie applicazioni gi√† installate sul dispositivo di turno, ma consente anche di creare pi√Ļ rapidamente dei nuovi file come¬†appunto foto e/o video.

Come scegliere una microSD

Come avrai molto probabilmente già notato, sulle microSD compaiono delle particolari sigle che in sostanza indicano proprio la tipologia e la classe della microSD in questione. Per sapere quindi come scegliere una microSD, andrò pertanto a chiarirti le idee su ciascuno di questi aspetti.

Tipologia

Il primo elemento da valutare, se non sai come scegliere una microSD, riguarda proprio la tipologia della stessa. In commercio, infatti, esistono tre differenti standard:

  • le microSD, con una capacit√† massima di 2 GB;
  • le microSDHC, dall’acronimo inglese di¬†High Capacity, con¬†una capacit√† massima di 32 GB, che non corrisponde altro che alla capacit√† massima raggiungibile da questo standard;
  • le microSDXC, dall’acronimo inglese di¬†eXtended Capacity, con una capacit√† che pu√≤ variare tra i 32 GB ed i 2 TB;
  • le microSDUC, dall’acronimo inglese di Ultra Capacity, con una capacit√† che pu√≤ variare tra i 2 TB ed i 128 TB.

Nello scegliere la tipologia della microSD tieni comunque presente che:

  • le microSDUC devono essere utilizzate soltanto sui dispositivi compatibili con lo standard microSDUC;
  • le microSDXC possono essere utilizzate sia sui dispositivi compatibili con lo standard microSDXC, sia sui dispositivi compatibili con lo standard microSDUC;
  • le microSDHC possono essere utilizzate sia sui dispositivi compatibili con lo standard microSDHC, sia sui dispositivi compatibili con lo standard microSDXC, sia sui dispositivi compatibili con lo standard microSDUC;
  • le microSD possono essere utilizzate sia sui dispositivi compatibili con lo standard microSD, sia sui dispositivi compatibili con lo standard microSDHC, sia sui dispositivi compatibili con lo standard microSDXC, sia sui dispositivi compatibili con lo standard microSDUC;
  • i dispositivi compatibili con lo standard microSDUC possono utilizzare le microSD, le microSDHC, le microSDXC, e le microSDUC;
  • i dispositivi compatibili con lo standard microSDXC possono utilizzare le microSD, le microSDHC, e le microSDXC;
  • i dispositivi compatibili con lo standard microSDHC possono utilizzare sia le microSD che le microSDHC;
  • i dispositivi compatibili con lo standard microSD possono utilizzare soltanto lo standard microSD.

In poche parole, le microSDHC funzionano sulla quasi totalità dei dispositivi presenti in commercio mentre le microSDXC o le microSDUC no. Di conseguenza, prima di comprare una microSD di queste ultime tipologie, cerca di informarti preventivamente attraverso il sito e/o il manuale di istruzioni del dispositivo nel quale vorresti utilizzarla.

Classe

Il secondo elemento da valutare, se non sai come scegliere una microSD, riguarda invece la classe della scheda. Questa, però, al contrario di quanto si possa pensare, non indica la velocità massima raggiungibile dalla microSD, espressa in megabyte al secondo, ovvero in MB/s, bensì la velocità minima sequenziale di scrittura richiesta durante la registrazione di file video.

Questo poiché la velocità minima sequenziale di scrittura è un aspetto molto importante per tutte le videocamere, le fotocamere, gli smartphone, i tablet, e in generale per tutti quei dispositivi che permettono di creare dei video. Se, infatti, si compra una microSD troppo lenta, durante la registrazione, e quindi il salvataggio, di un video in alta definizione, le prestazioni inadeguate della microSD potrebbero addirittura far perdere dei preziosi fotogrammi del filmato stesso, con spiacevoli conseguenze quali la perdita di qualità e di fluidità del video appena creato.

Ecco pertanto una semplice tabella nella quale, per ciascuna classe di microSD esistente, ne viene riportata anche la possibile applicazione:

Velocità minima sequenziale di scritturaSpeed ClassUHS Speed ClassVideo Speed ClassPossibile applicazione
2 MB/sClasse 2 (C2)Registrazione di video con una definizione standard (SD)
4 MB/sClasse 4 (C4)Registrazione di video in alta risoluzione (HD) inclusi i video Full HD (da 720p a 1080p/1080i)
6 MB/sClasse 6 (C6)Classe 6 (V6)
10 MB/sClasse 10 (C10)Classe 1 (U1)Classe 10 (V10)Registrazione di video in Full HD (1080p), fermi immagine in HD e scatti continui
30 MB/sClasse 3 (U3)Classe 30 (V30)Registrazione di video fino alla risoluzione 4K 60/120 fps (bus UHS)
60 MB/sClasse 60 (V60)Registrazione di video fino alla risoluzione 8K 60/120 fps (bus UHS)
90 MB/sClasse 90 (V90)

Nella tabella sopraindicata, le classi di velocità 2, 4, 6 e 10, le classi di velocità U1 e U3, e le classi di velocità V6, V10, V30, V60 e V90, indicano tre differenti tipologie di classe. In particolare, le classi di velocità U1 e U3, assieme alle classi di velocità V6, V10, V30, V60 e V90, sono progettate per i dispositivi compatibili, rispettivamente, con lo standard UHS, ovvero Ultra High Speed, e con lo standard Video.

C’√® da dire, tuttavia, che sebbene sia possibile utilizzare le schede di classe 2, 4, 6 e 10 sui dispositivi compatibili con tutti gli altri standard (come con lo standard UHS-I, UHS-II o UHS-III, rappresentati, rispettivamente, dai numeri romani I,¬†II e III), per ottenere il massimo da ciascuno di questi¬†standard bisogna per forza utilizzare¬†delle schede pienamente compatibili con tali standard. In ogni caso, a prescindere dallo standard utilizzato, ricorda che la velocit√† dichiarata non rappresenter√† mai, purtroppo, quella effettiva.

Application Performance Class

Non sempre la velocit√† di scrittura sequenziale √® il parametro pi√Ļ rilevante quando si vuole acquistare una scheda di memoria. Basti pensare, ad esempio, alle operazioni di lettura/scrittura dei dati negli smartphone da parte delle varie app che vi sono installate. In questi casi, infatti, diventano molto pi√Ļ rilevanti le velocit√† in scrittura e lettura casuale. Partendo da questo presupposto, l’SD Card Association ha adottato un ulteriore standard, chiamato¬†Application Performance Class, che mediante i loghi A1 e A2 identifica tutti quei prodotti che soddisfano tale standard.

Le schede di memoria conformi allo standard A1 e A2 devono quindi rispettare non solo il parametro dei 10 MB/s minimi in lettura sequenziale, ma anche i parametri relativi alle 1.500/500 IOPS in lettura e scrittura casuale nel caso dello standard A1, e i parametri relativi alle 4.000/2.000 IOPS in lettura e scrittura casuale nel caso dello standard A2. Bisogna comunque dire che la mancata conformità a tale standard non implica necessariamente che le schede di memoria scelte siano inadeguate a soddisfarlo, ma semplicemente che si tratta di prodotti nei quali non stato è possibile stabilirlo con certezza a priori.

Capacità ed altre caratteristiche

Per scegliere la capacit√† pi√Ļ appropriata della tua microSD, visto che lo spazio a disposizione non basta praticamente mai, cerca di comprare, per quanto possibile, una microSD dotata della¬†capacit√† massima consentita dal tuo dispositivo. Allo stesso tempo ricorda per√≤ che¬†la capacit√† dichiarata non corrisponder√† mai a quella effettiva, proprio perch√© le unit√† di misura utilizzate dai produttori di microSD sono diverse da quelle che poi vengono realmente utilizzate sul computer, tant’√® vero che i produttori utilizzano il sistema decimale mentre il sistema operativo del computer pu√≤ utilizzare o meno il sistema binario.

Questo, in poche parole, comporta che una microSD dalla capacit√† di, ad esempio, 8 GB venga vista con una capacit√† effettiva di circa 7,45 GB (ovvero il 7,4% in meno). Di conseguenza, quando stai per scegliere la capacit√† della tua microSD, tieni a mente anche quest’ultimo aspetto.

Inoltre, nello scegliere una microSD, sappi che oltre alle classiche microSD, in commercio esistono anche delle particolari microSD resistenti a temperature elevate, acqua salata e/o acqua dolce, cadute accidentali, campi magnetici, raggi X, ed altre cose del genere. Se casomai dovesse interessarti, quando stai per comprare una microSD, cerca quindi di informarti anche su queste ulteriori caratteristiche.

Possibili esempi

Per cercare di chiarirti ulteriormente le idee su come scegliere una microSD, eccoti dunque una serie di pratici esempi nei quali andrò a spiegarti quanto appena esposto. Iniziamo quindi con la seguente microSD della Samsung:

In questo caso si tratta di una microSDXC da 64 GB che supporta lo standard A1, la classe di velocità U1 e la classe di velocità V10. Il numero romano I, situato in basso a sinistra, rappresenta invece la velocità del bus che sui dispositivi compatibili può essere al massimo di tipo UHS-I.

Prendiamo adesso questa microSD della SanDisk:

In questo caso si tratta di una microSDXC da 128 GB che supporta lo standard A2, la classe di velocità U3 e la classe di velocità V30. Il numero romano I, situato in basso a destra, rappresenta di nuovo la velocità del bus che sui dispositivi compatibili può essere al massimo di tipo UHS-I.

Prendiamo ora questa microSD della Transcend:

In questo caso si tratta di una microSDHC da 32 GB che supporta la classe di velocità U1 e la classe di velocità C10. Il numero romano I, situato in basso a destra, rappresenta nuovamente la velocità del bus che sui dispositivi compatibili può essere al massimo di tipo UHS-I.

Prendiamo adesso¬†quest’altra microSD della SanDisk:

In questo caso si tratta di una microSDXC da 64 GB che supporta lo standard A1, la classe di velocità U1 e la classe di velocità C10. Il numero romano I, situato in basso a destra, rappresenta di nuovo la velocità del bus che sui dispositivi compatibili può essere al massimo di tipo UHS-I.

Prendiamo infine quest’altra microSD della SanDisk:

In quest’ultimo caso¬†si tratta di una microSDHC da 32 GB che supporta unicamente la classe di velocit√† C4, oltre ad una velocit√† del bus che pu√≤ essere al massimo di tipo Normale non essendo indicato alcun numero romano.

Conclusioni

Per scegliere quindi una microSD, gli aspetti pi√Ļ importanti da tenere in considerazione sono soprattutto la tipologia e la classe, oltre ovviamente all’appropriata capacit√†. Per quanto riguarda invece i produttori di microSD, quelli pi√Ļ conosciuti sono Hama, Kingston, Lexar, PNY, Samsung, SanDisk, Sony, Transcend e Verbatim, mentre come prezzi si parte da poche decine di euro per i modelli pi√Ļ economici fino a superare anche le centinaia di euro per le microSD dotate delle prestazioni migliori.

Infine, se vuoi un ultimo consiglio, evita per quanto possibile di comprare dei prodotti particolarmente economici perché se trovi una certa capacità ad un prezzo troppo conveniente è altamente probabile che si tratti di una microSD dalla capacità contraffatta, ovvero con una capacità reale diversa da quella indicata sulla confezione o direttamente sul prodotto. Arrivati comunque a questo punto dovresti aver finalmente capito come scegliere una microSD.

Fonte delle informazioni: SD Card Association, Wikipedia.