Che differenza c’è tra 4G/LTE, WiMAX e Wi-Fi?

Dopo aver visto nel precedente articolo che differenza c’è tra ADSL e fibra ottica in questo nuovo articolo andrò invece a spiegarti che differenza c’è tra 4G/LTE, WiMAX e Wi-Fi.

Indice

Che differenza c’è tra 4G/LTE, WiMAX e Wi-Fi?

Che cos’è il 4G e l’LTE?

Con il termine 4G, acronimo inglese di 4th generation (in italiano, quarta generazione), si indicano tutte le tecnologie e gli standard della telefonia mobile successivi al 3G che permettono la fruizione di applicazioni multimediali avanzate nonché la fruizione di collegamenti dati con un’elevata banda passante.
Con il termine LTE, acronimo inglese di long term evolution (in italiano, evoluzione a lungo termine), si indica invece uno standard di telefonia mobile che si colloca a metà strada fra le tecnologie 3G – cioè di terza generazione – e quelle di quarta generazione vera e propria. Nonostante da un punto di vista tecnico sia formalmente sbagliato, per porre fine alla confusione generata tra l’utilizzo in marketing del termine 4G e la vera classificazione come 4G, nel 2010 l’ITU ha concesso di utilizzare il termine 4G anche per le tecnologie come l’LTE. A conti fatti, quindi, parlare di 4G o parlare di LTE è ormai diventata la stessa cosa.
L’utilizzo principale di queste tecnologie avviene comunque soprattutto in mobilità, attraverso l’impiego di una SIM e per mezzo di dispositivi quali chiavette Internet, smartphone o tablet, permettendo di collegarsi ad Internet con delle prestazioni paragonabili a quelle ottenibili da una connessione in fibra ottica.

Che cos’è il WiMAX?

Il WiMAX (si pronuncia uaimacs), acronimo inglese di worldwide interoperability for microwave access (in italiano interoperabilità mondiale per l’accesso a microonde), è una tecnologia che consente l’accesso alle reti di telecomunicazioni a banda larga senza l’ausilio di alcun filo. Il vantaggio principale del WiMAX è che consente di offrire una connessione ad Internet anche nelle aree geografiche particolarmente complesse e/o difficilmente raggiungibili dalle tradizionali infrastrutture col cavo. A differenza del 4G, il WiMAX viene però utilizzato principalmente in ambiente domestico dando così la possibilità di collegarsi ad Internet senza la necessità di avere alcuna linea telefonica ma semplicemente avvalendosi di un particolare modem dotato di una speciale antenna. Tra gli ISP più noti che offrono questo tipo di connettività ci sono Arcolink, EOLO, Go InternetLinkem e Mandarin.
In questo caso, tramite l’utilizzo della tecnologia WiMAX è possibile raggiungere delle velocità analoghe a quelle di una comune ADSL da 7 Mbit/s in download e 1 Mbit/s in upload sebbene, tramite l’impiego della tecnologia 4G o 5G, alcuni ISP siano in grado di proporre delle offerte con delle velocità ancora maggiori.

Che cos’è il Wi-Fi?

Il Wi-Fi (si pronuncia uaifai) è una tecnologia molto diffusa che, ai dispositivi che la supportano, consente di poter scambiarsi dati e/o informazioni senza adoperare alcun filo. In termini più pratici, tramite l’utilizzo del Wi-Fi viene creata una particolare rete wireless (si pronuncia uàirless, letteralmente senza fili) che poi, mediante lo standard IEEE 802.11, permette ai dispositivi che ne fanno uso di comunicare tra di loro utilizzando delle onde radio con una certa frequenza. In genere, comunque, la rete associata al Wi-Fi viene creata in automatico da un apposito dispositivo, detto modem router, il quale poi a sua volta permette di sfruttare la connessione ad Internet senza impiegare alcun cavo aggiuntivo, previo utilizzo o meno di una password di accesso.
A differenza del 4G e del WiMAX, la velocità del Wi-Fi non rappresenta però la velocità effettiva della connessione ad Internet ma indica, semplicemente, la velocità con la quale viaggiano i dati e/o le informazioni dal modem router al dispositivo che in quel momento sta utilizzando la rete del Wi-Fi.

Conclusioni

Per navigare su Internet in piena mobilità la soluzione migliore viene rappresentata quindi dal 4G il quale, però, viene solitamente offerto imponendo un certo limite di gigabyte al mese. Per chi desidera invece navigare da casa senza utilizzare la linea telefonica, la soluzione più conveniente è rappresentata dal WiMAX che, al contrario di quanto avviene abitualmente col 4G, non pone alcuna limitazione di traffico. In questo caso, tuttavia, oltre ad una copertura territoriale più scarsa c’è da considerare anche che le velocità ottenibili tramite il WiMAX non saranno mai altrettanto buone quanto quelle offerte da una connessione in 4G.
Infine il Wi-Fi, dietro possesso di una connessione ADSL o in fibra ottica, è il modo più comune per accedere ad Internet nei luoghi pubblici come ristoranti, alberghi o aeroporti, anche se non sempre la possibilità di navigare viene offerta del tutto gratuitamente, senza considerare poi che le prestazioni degradano notevolmente sia in base al numero di utenti collegati contemporaneamente e sia in base a quanto ci si allontana dalla fonte che emette il segnale del Wi-Fi. In ogni caso, arrivati a questo punto, dovresti aver finalmente capito che differenza c’è tra 4G/LTE, WiMAX e Wi-Fi.