Cosa significa installare un programma? Come si fa?

Cosa significa installare un programma? Come si fa? Ti hanno chiesto di installare un programma sul tuo PC ma tu non sai né cosa significa né, tantomeno, come si fa? Eccoti allora un semplice articolo nel quale andrò a spiegarti sia cosa significa installare un programma, sia come si fa ad installare un programma sul computer.

Cosa significa installare un programma?

In informatica, l’installazione o il setup (si pronuncia setàp) di un determinato programma, indica, in poche parole, una particolare procedura che su un dato dispositivo consente di predisporre all’uso il programma in questione. Siccome il processo di installazione varia da programma a programma e da dispositivo a dispositivo, i programmi, assieme alle app, ai driver, ai plugin e ai vari sistemi operativi, vengono in genere forniti con un apposito installatore, ovvero con un particolare programma in grado di fare tutto ciò che è necessario per poter installare il programma vero e proprio. Una volta comunque installato il programma desiderato, questo sarà subito pronto per poter essere eseguito più e più volte senza la necessità di essere nuovamente installato, perlomeno fino a quando quest’ultimo non verrà intenzionalmente disinstallato.

Come si fa ad installare un programma sul computer?

Innanzitutto, prima di poter iniziare ad installare un programma sul proprio computer, bisogna esser certi che il programma da installare soddisfi, quanto meno, i seguenti requisiti:

  • sia compatibile con il sistema operativo utilizzato sul proprio PC. Ad esempio, se il sistema operativo utilizzato sul proprio PC è Windows 7 Home Premium a 64 bit, di conseguenza non sarà possibile installare un programma destinato ad un altro sistema operativo, come per esempio a Linux o a macOS;
  • sia compatibile con l’edizione del proprio sistema operativo. Ad esempio, se un programma è stato progettato per poter funzionare su Windows XP Home Edition a 32 bit, non è detto che questo funzioni anche su un’altra edizione di Windows, come per esempio su Windows 10 Home a 32 bit;
  • sia compatibile con le caratteristiche tecniche del proprio PC, ovvero che rispetti i cosiddetti requisiti di sistema. Se, ad esempio, per poter essere eseguito, un particolare programma richiede come minimo 4 GB di memoria RAM, e il proprio computer ne ha solamente 2 GB, allora è inutile tentare di scaricare e/o installare quel particolare programma sul proprio PC, visto che poi questo non potrà correttamente funzionare, specialmente se il programma in questione è proprio un videogioco.

Per quanto riguarda l’installazione vera e propria, questa, come già detto, varia da programma a programma, ma sostanzialmente, seguendo una certa procedura guidata, chiamata in gergo wizard (si pronuncia uìzerd), si compone più o meno sempre delle seguenti fasi:

  • la prima fase, che rappresenta quella più importante, consiste solitamente nell’accettare le condizioni della licenza d’uso del programma da installare. Molto spesso, però, le informazioni riportate sono in inglese, ed è quindi quasi sempre necessario utilizzare un appropriato traduttore;
  • la seconda fase, consiste solitamente nello scegliere il tipo di installazione da effettuare. Normalmente, infatti, l’installazione di un determinato programma può esser fatta utilizzando due o più specifiche modalitàminima, tipica/rapidacompleta o personalizzata. Scegliendo, ad esempio, un’installazione personalizzata, sarà possibile decidere quali componenti del programma installare, nonché quale cartella destinare per ospitare tutti i file necessari del programma in questione;
  • la terza fase, che a seconda del programma da installare può verificarsi anche prima o non verificarsi affatto, permette solitamente di scegliere una o più opzioni che consentono di facilitare l’utilizzo del programma da installare. Ad esempio, durante questa fase, viene in genere chiesto se avviare o meno il programma da installare contestualmente all’avvio del proprio sistema operativo, se creare una scorciatoia sul proprio desktop per raggiungere più facilmente il programma da installare, se associare determinate estensioni al programma che si sta per installare, se creare o meno un’eccezione nel firewall utilizzato sul proprio PC, se installare uno o più particolari servizi, se attivare o meno il programma in questione, ed altre usuali cose di questo tipo.

A seconda del programma scelto, specialmente se il programma in questione è un programma del tutto gratuito, durante la fase di installazione dello stesso, a volte potrebbero anche esser fatte una o più particolari richieste per poter, ad esempio, installare altri software sul proprio PC e/o modificare determinate impostazioni del proprio sistema operativo. Quasi sempre, però, queste richieste portano soltanto ad installare dei programmi inutili e/o dannosi, come adware, toolbar o software trial, i quali non fanno altro che appesantire inutilmente il proprio sistema operativo. Di conseguenza, prima di fare clic su Avanti o di premere su Accetto, è sempre meglio stare molti attenti a quello che si sta per installare sul proprio PC, visto che non è detto che occorra farlo ogni volta per forza.
In aggiunta a questo, bisogna anche dire che a volte, per poter utilizzare un determinato programma sul proprio PC, è possibile pure fare a meno di ricorrere alla classica installazione. Al giorno d’oggi, infatti, esistono delle particolari applicazioni, conosciute come portable o portatili, che consentono di essere utilizzate sul proprio PC senza neanche il bisogno di essere prima installate. In questi casi basterà quindi semplicemente estrarre una sola volta il contenuto dell’applicazione in questione e questa sarà subito pronta per poter essere immediatamente utilizzata.
Prima di concludere questo articolo eccoti comunque un apposito video creato dall’Associazione Culturale Maggiolina che spero ti farà capir ancora meglio come si fa ad installare un determinato programma, più precisamente OpenOffice, su un comune sistema operativo Windows:

Arrivati dunque a questo punto dovresti aver finalmente capito sia cosa significa installare un programma, sia come si fa ad installare un programma sul computer.